ROCCAFORTEDELGRECO.NET

Storia e cultura

LA FIUMARA AMENDOLEA                   

La fiumara Amendolea nasce nel cuore del Parco Nazionale dell'Aspromonte e  precisamente nella zona denominata Materazzelli ( m. 1720 s.l.m.) . 

Leggi tutto...

L'EMIGRAZIONE                                                            

Il fenomeno emigratorio rappresentò anche per Roccaforte  uno dei processi sociali più rilevanti che si verificarono all’inizio del XX° secolo.

Leggi tutto...

LA FLORA E LA FAUNA

La notevole diversità di ambienti presenti nel territorio di Roccaforte del Greco assicura una flora assai ricca e varia.

Leggi tutto...

LA DIGA SUL MENTA

Nel 1979 venne approvato il progetto relativo alla costruzione della diga sul Menta  da parte della Casmez e dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Leggi tutto...

LA FESTA DEL SANTO PATRONO

Il 16  Agosto si svolge la festa in onore di San Rocco. Intorno a mezzogiorno, subito dopo la funzione religiosa, la statua del Santo  viene trasferita dalla Chiesa di San Rocco, dove abitualmente è custodita, alla Chiesa dello Spirito Santo.

Leggi tutto...

 

ANTICHE MIGRAZIONI

Le origini di Roccaforte e degli altri paesi della Calabria greca sono molto controverse. Esistono molte tesi  contrapposte che fanno risalire la radice ellenica a momenti storici differenti. Le principali tesi collocherebbero le origini nel periodo della Magna Grecia o nel periodo bizantino. Molti sono stati gli studiosi che si sono interessati alle origini e alla questione linguistica dei greci di Calabria.

Leggi tutto...

LA DIGA SUL MENTA

Nel 1979 venne approvato il progetto relativo alla costruzione della diga sul Menta  da parte della Casmez e dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici.

Progettazione e direzione dei lavori furono affidati alla Electroconsult. Il costo dell’opera all’inizio era   di 53 miliardi e prevedeva la realizzazione di un bacino sul Menta di 18 milioni di metri cubi, e di altri due bacini sui torrenti Aposcipo e Ferraina. Successivamente il progetto venne ridimensionato, comprendendo per l’invaso e l’allaccio il solo bacino del Menta. Scopo del progetto era quello di risolvere il problema relativo all’approvvigionamento idrico  di Reggio Calabria mentre un terzo dell'acqua raccolta doveva essere utilizzata per  "usi industriali", tra i quali l'alimentazione di una centrale idroelettrica da costruire in località Cataforio (RC).  Per la realizzazione della diga sono stati disboscati 127 ettari ricadenti nel territorio del comune di Roccaforte del Greco. Dal 2001 sono rimaste in sospeso  le opere di completamento, tra le quali l’alloggiamento dei tubi nella galleria di adduzione, l’impianto di condotta forzata, la centrale idroelettrica, l’impianto di potabilizzazione dell’acqua, la dorsale di adduzione sino alla rete idrica cittadina. Il 16 marzo 2007 il Cipe ha approvato un finanziamento di altri  105 milioni di euro per il completamento dei lavori  che vanno ad aggiungersi ai 105 milioni di euro spesi in precedenza. I lavori di completamento dello schema idrico sono stati suddivisi in  5 lotti: opera di presa dall'invaso Menta, canalizzazione, condotta forzata, depuratori e centrale idroelettrica ed hanno avuto inizio  nella primavera del 2008. l'ente appaltante  è la Sorical. 

 

Copyright © 2018. All Rights Reserved.