ROCCAFORTEDELGRECO.NET

Storia e cultura

 

 Sane jenastise su, ema clicio,

ospitissu oli e tragudussa;

Oli crhistiani cuddizzai mia foni.

Sane jenastise su, miceddu magni

Sto petossu ena astro avlepi,

cala na cchi i mana pu se came!

Pissu filai ettuno stoma clicio,

ciumate cala ce jerate ngaglio

Quando nascesti tu, sangue dolce,

 Alla tua casa tutti cantavano,

tutti i cristiani gridavano ad una voce

Quando nascesti tu, bella fanciulla:

Nel tuo petto avevi una stella.

Bene abbia la madre che ti generò

Chi bacia bene cotesta bocca dolce,

Si corica bene e svegliasi meglio.

 

Pianno to manno ce guenno ce pao,

Crazzonda Catarinedda frenesia;

Ole jitonie te canunao,

Ce alarga essena de doro cammia,

Ce ithela na gapio mia addi

Ce penseonda sse de mu guenni asce cardia.

Prendo il manto , esco e vado,

Chiamando Catarinella con frenesia,

tutte le vicine guardo

e come te non vedo nessuna;

E vorrei amare un'altra,

E pensando a te non mi esci dal cuore.

Asce terminu pu irte sto casali,

Na valu to Gattanaci ja sindicaturi!

san troghi ecino, troghi sto vrastari,

Ce ja platteddi crati to cactori,

San pinni ecino pinni sto vucali

ce ja biccheri crati to pisciaturi.

A che termine venne questo casale,

A mettere il Gattanaci per sindaco!

Quando mangia, egli mangia nella caldaja.

E per piattello ha il cantero;

Quando beve, egli beve nel boccale

E per bicchiere ha l'orinale.

 

 

Copyright © 2018. All Rights Reserved.