ROCCAFORTEDELGRECO.NET

Storia e cultura

T’àrtammià ti spìttuddhe scè karkàra

ce san-dà nìghi lambrònnu to kòsmo

an ekàtta dèka oscìe xigliàrika

egò na ta sbìo mànaxò de ssònno.

 

An-dà klìvi mèni òllo skotìdi

ce pi potè scèri an .anìgu kalà

ti dònni asfalèa na zì ce na mìni

stampùddhe ple màgne ti zoì ma.

 

Dònnu xarapìa ce poddhì glicìa

stu xristianù ti agapài akomì

Lambrònnu xarumèni t’artammìà

ti n’agapào ce den mèni manaxì.

 

I mùsikì ène krùma ti zoì

krùma ti mbènni òssu sti kardìa

Udè me ecìndo krùma i kardìa mèni

Ce ène to tègliomma ti s’agapìa.

 

Arte meklièse sta aromà su

pè sto lògo su ti den-dà klìvise plè

na mu dòsu afùdimma t’artammià su

ce lùci ste s’oscìe mi piài ple

 

Lòghia ce musikì tou  Attìlio Noutsèra

-----------------------------------------------

 

I suoi occhi - scintille di fuoco

 

I suoi occhi scintille di fuoco

quando sono accesi luccicano il mondo 

se bruciassero dieci montagne millenarie

spegnerli da solo non potrei.

 

E se li chiude rimane tutto buio

e chi mai lo saprà se apriranno bene

gli darà sicurezza di vivere e rimanere 

e i momenti belli della vita.

 

Daranno serenità e tanta dolcezza

alle persone in cui ama ancora.

luccicano gioiosi i suoi occhi

Io l’amo e non rimarrà sola.

 

La musica è il suono della vita

È un suono che penetra dentro nel cuore

Senza quel suono il cuore cederebbe

E sarebbe la fine dell’amore.

 

Ormai sono intrappolato nei tuoi odori

giura che non li chiudi più

che mi diano aiuto i tuoi occhi

e fuoco alle montagne che non prenda più.

 

Parole e musica di Attilio Nucera 01.07.2007

{jcomments on}

Copyright © 2018. All Rights Reserved.